Attacchi di panico cosa fare per aiutare chi ne soffre

Attacchi di panico cosa fare per aiutare chi ne soffre

Attacchi di panico cosa fare per aiutare chi ne soffre. Se non trattata, l’ansia può diventare ingestibile.

Il disturbo d’ansia è la malattia mentale più comune negli Stati Uniti Circa il 18% della popolazione soffre di ansia, secondo l’Anxiety and Depression Association of American, inclusa forse la sua manifestazione più preoccupante: un’ansia o un attacco di panico.

Soffrire di un attacco di panico può essere straziante. “Sulla scala da 0 a 10, è un 10”, afferma Debra Kissen, CEO di Light on Anxiety Cognitive Behavioral Therapy Centers in Illinois. “Sembra che tutto il tuo cervello e il tuo corpo siano in modalità congelata perché sei in pericolo immediato – i tuoi pantaloni non sono in fiamme, ma hai tutti i sentimenti e le sensazioni di pericolo immediato. Sembra come morire, impazzire, completamente fuori di controllo, ma quei sentimenti non corrispondono al momento.”

Amici e parenti possono aiutare qualcuno che sta attraversando un attacco di panico

Bisogna iniziare con la conoscenza dei segni dell’ansia.

Tutti coloro che soffrono di ansia sperimentano sintomi diversi, ma possono essere suddivisi in tre categorie, secondo la Johns Hopkins Medicine.

Sintomi di ansia generalizzata

Sintomi fisici:

  • Vertigini.
  • Sudorazione.
  • Nausea.
  • Irrequietezza o irrequietezza.
  • Sensazione di fiato corto.
  • Diarrea.
  • Affaticarsi facilmente.
  • Battito cardiaco e dolore al petto.

Pensieri ansiosi:

  • Credere che accadrà il peggio.
  • Preoccupazione costante.
  • Pensare tutto o niente.
  • Overgeneralizzare (fare ipotesi generali basate su un singolo evento).

Comportamenti ansiosi:

  • Evitamento di situazioni o eventi temuti.
  • Cerco rassicurazione.
  • Secondo indovinare.
  • Irritabilità e frustrazione in situazioni temute.
  • Azioni compulsive (come lavarsi le mani più e più volte).

Secondo la Cleveland Clinic, le persone usano spesso il termine attacco d’ansia e attacco di panico in modo intercambiabile, ma tecnicamente non esiste un attacco d’ansia (dal punto di vista medico). Una reazione intensa e ansiosa a una situazione o a un fattore scatenante è etichettata come attacco di panico.

Tuttavia, molti di questi sintomi di ansia generalizzata possono comparire anche durante un attacco di panico, quindi è importante essere in grado di riconoscerli.

I sintomi di un attacco di panico

Conoscere i sintomi aiuta, ma tieni anche presente che molti dei sintomi di un attacco di panico sono interiorizzati e potrebbero non essere evidenti a un osservatore. 

“Non è sempre così facile individuare un attacco di panico quando si verifica”, afferma Simon A. Rego, capo di psicologia presso il Montefiore Medical Center e professore associato di psichiatria e scienze comportamentali presso l’Albert Einstein College of Medicine. “Il paziente pensa che sia molto ovvio, ma il fatto è che accade continuamente nella popolazione generale e la maggior parte delle persone non l’ha mai visto”.

I sintomi osservabili, dice Rego, possono includere:

  • Pelle arrossata o sudata.
  • Tremore o tremore.
  • Distrazione o preoccupazione.
  • Irrequietezza o apparenza “nervosa”.
  • Irritabilità tesa o comportamento “sbagliato”.

“Potrebbero dirti che si sentono davvero spaventati, non si sentono bene, hanno il fiato corto, il loro cuore batte forte o hanno mal di stomaco”, dice Rego. “O se l’hanno già sperimentato, potrebbero sapere cosa sta succedendo e dirtelo”.

Escludere una causa medica

I sintomi dell’attacco di panico spesso imitano condizioni mediche gravi come un evento cardiaco“Quindi, la linea da seguire è, se non sei sicuro che sia tutto a posto dal punto di vista medico, ottenere una valutazione medica”, dice Rego. “La regola 1 in psichiatria è sempre quella di escludere prima le cause mediche”.

Questo è particolarmente importante se la persona non ha mai sperimentato qualcosa di simile prima. “Se lo sanno già (è un attacco di panico), non incoraggiare le cure mediche. Etichettalo come un attacco di panico, così sanno di cosa si tratta: è scomodo ma non è sconosciuto”, spiega Rego.

Convalida il loro disagio

Se sai che dal punto di vista medico è tutto a posto, convalida il loro disagio. “Non dire loro: ‘Non preoccuparti, è solo un attacco di panico’”, dice Rego. 

Invece, chiedi loro cosa puoi fare per aiutarli“Non vuoi perpetuare il panico. Una volta verificato che si tratta di un attacco di panico, ora è come cavalcare il toro meccanico”

Hai un aumento e una caduta. Dura circa 10-15 minuti; chiedi loro: ‘Puoi aggrapparti al toro per la corsa?'”

Ricorda loro che non c’è nessun pericolo reale

Un attacco di panico è guidato dal sistema nervoso simpatico, la risposta di lotta o fuga a un pericolo percepito. “Ricorda loro che i sintomi fanno paura, ma ciò non significa che siano pericolosi”, dice Rego.

È difficile quando il loro cervello dice loro che sono in pericolo. “È la cosa più difficile al mondo da fare”, dice Kissen. “Hanno questa scarica di adrenalina, tutto questo carburante nel loro corpo. Devono lasciarlo passare, poi possono andare avanti”.

Aiutali a calmarsi

Ancora una volta, non dire a qualcuno in preda a un attacco di panico di calmarsi. Se potessero, lo farebbero. “Aiutali a regolare la loro fisiologia attraverso le tue emozioni”, dice Kissen. “Parla lentamente e con calma. Incoraggiali a prendere piccoli, delicati sorsi d’aria.”

L’obiettivo, dice Kissen, è aiutarli a capire che il loro panico non è correlato a nessun pericolo reale e che passerà.

Suggerisci loro di fare il contrario

“Se sanno che è un attacco di panico, vuoi che facciano l’opposto di ciò che il loro cervello dice loro di fare”, dice Kissen.

Ad esempio, se la persona dice che non riesce a pensare con lucidità, Kissen suggerisce di dare loro qualcosa da leggere, per dimostrare che possono davvero concentrarsi. O se sono in un luogo pubblico e ti dicono che sentono il bisogno di andarsene immediatamente, dice di incoraggiarli ad abbracciare la sensazione e “cavalcare il toro” per qualche altro minuto.

“Se sei un estraneo, potresti dire: ‘Cosa ti sta dicendo (questo sentimento) di fare, e come ci giochiamo? E se lo tolleriamo e lo affrontiamo insieme? Penso che tu possa tollerarlo’. “In un certo senso vuoi vedere il suo bluff. Ogni volta che ci si arrende, è come insegnare al cervello che è reale. L’obiettivo è insegnare al proprio cervello che un attacco di panico è un falso allarme“.

Aiutali durante le scosse di assestamento

Dopo che un attacco di panico è passato, il sistema parasimpatico – “lo yang allo yin simpatico”, dice Rego – inizia a entrare in azione. Ciò può far sentire ansiosa la persona dopo un attacco; “sintomi non acuti, sintomi intensi, più simili a scosse di assestamento”, afferma Rego.

Convalida anche questi sentimenti. “Rilassati con loro, fai un po’ di esercizi di rilassamento e di respirazione. Nella fase acuta, questi non sono utili”, dice Rego, ma dopo un attacco di panico acuto, possono aiutare ad alleviare ulteriormente l’agitazione della persona.

Suggerisci di consultare un professionista della salute mentale

Se gli attacchi di panico sono un problema ricorrente per la persona e interferiscono con la sua vita, riconnettiti dopo che i sintomi di ansia acuta si sono attenuati e suggerisci di chiedere aiuto a un professionista della salute mentale .

“La buona notizia è che l’ansia è altamente curabile, attraverso la terapia cognitivo comportamentale e/o i farmaci”, afferma Rego. “Trattamenti a breve termine possono aiutarli a liberarsi dal panico in tempi relativamente brevi”.

Kissen è d’accordo: “È una delle condizioni più curabili e più veloci da trattare. Quando impari a superarla, puoi vedere rapidi progressi”.

Cosa non fare

Alcuni pensieri comuni e riflessivi su come essere utili in realtà non sono affatto utili:

  • Fai un respiro profondo. “Questa è l’idea peggiore, perché in un attacco di panico all’inizio respirano troppo”, dice Kissen. “Non hanno bisogno di tutta quest’aria. Non scappano da niente.”
  • Calmati. Questo “fa prendere dal panico di qualcun altro”, che è l’approccio sbagliato, dice Kissen. “Un attacco di panico non è pericoloso, è solo molto scomodo. Abbi la fiducia per loro che non hanno.”
  • Distraiti e basta. “Questo rafforza la loro mente su qualcos’altro perché non possono gestirlo. È come scappare.”, dice Kissen.

Ecco come aiutare qualcuno durante un attacco di panico

  • Escludere un problema medico.
  • Convalida il loro disagio.
  • Ricorda loro che non c’è nessun pericolo reale.
  • Aiutali a calmarsi.
  • Suggerisci loro di fare il contrario.
  • Aiutali durante le “scosse di assestamento”.
  • Suggerisci loro di consultare un professionista della salute mentale.
(Fonte: Tips to Support Someone Having a Panic Attack)
Condividi su:

Lascia un commento