Come si formano le isole di plastica negli oceani? Tracciate le mappe delle correnti

Come si formano le isole di plastica negli oceani? Tracciate le mappe delle correnti

Great_Pacific_Garbage_Patch.jpg

Come si formano le isole di plastica negli oceani? Tracciate le mappe delle correnti che ogni giorno trascinano tonnellate di plastica dalle coste fino al largo, dove i rifiuti restano intrappolati.

E’ la prima mappa che descrive qual’è la probabilità che i rifiuti di plastica vengano trasportati da un’area all’altra dell’oceano.

Il modello statistico pubblicato sulla rivista Chaos, è stato elaborato grazie alla ricerca coordinata dall’esperto di fisica dei fluidi Philippe Miron, dell’Universita’ di Miami, in collaborazione con Francisco Beron-Vera, del dipartimento di Scienze dell’atmosfera e con i matematici dell’Università di Berlino Luzie Helfmann e Peter Koltai.

Come fa notare Miron, il modello è stato utile per individuare “un canale di transizione che collega il Great Pacific Garbage Patch con le coste dell’Asia orientale”. Ciò fa capire che quella zona è un punto di forte inquinamento da plastica.

Inoltre si è trovata conferma che il vortice dell’Oceano Indiano è una vera e propria “trappola” per i rifiuti di plastica. Depositi importanti si trovano infatti nel Golfo del Bengala.
Mentre nell’Atlantico, le plastiche vengono catturate nel Golfo di Guinea.

Miron ha spiegato che con questo modello si è visto che i vortici oceanici hanno un debole collegamento fra loro o sono addirittura indipendenti, tanto che “in caso di venti straordinariamente intensi, è’ più’ probabile che un vortice subtropicale esporti rifiuti verso le coste che in un altro vortice”.
Fra i principali risultati del modello c’è infine il fatto che, “mentre il vortice subtropicale del Pacifico settentrionale attrae la maggior parte dei detriti, in linea – ha osservato il ricercatore – con le valutazioni precedenti, il vortice del Pacifico meridionale è il più duraturo in quanto le plastiche intrappolate nel vortice riescono a sfuggire molto difficilmente”.

Mappa_vortici_isole_di_plastica_oceano.jpg

Ricostruzione delle principali correnti che trascinano la plastica dispersa negli oceani (fonte: Philippe Miron, Francisco Beron-Vera, Luzie Helfmann, and Peter Koltai)

— Leggi l’articolo intero su Siiecobio Forum

Condividi su:

Lascia un commento