Miele di Manuka proprietà terapeutiche contro infezioni polmonari

Miele di Manuka proprietà terapeutiche contro infezioni polmonari

Miele di Manuka proprietà terapeutiche contro infezioni polmonari.

Il miele di Manuka è conosciuto dall’antichità per la sua azione antimicrobica che viene adesso confermata da studi scientifici.

La microbiologa Victoria Nolan della Aston University ha scoperto una terapia che prevede l’uso di un antibiotico e il miele di manuka nei pazienti affetti da fibrosi cistica.

La dott.ssa Nolan afferma “L’uso di questo potenziale trattamento che combina amikacina e miele di mānuka mostra grandi promesse come terapia migliorata per queste terribili infezioni polmonari.“

I pazienti con affezioni polmonari sono particolarmente vulnerabili al Mycobacterium abscessus che è un micobatterio lontanamente correlato alla turbercolosi. Questo batterio provoca delle gravi polmoniti difficili da trattare nei soggetti deboli con pregresse patologie polmonari e immunocompromessi.

Debellare questo batterio dai polmoni è complicato sia perché ci sono diversi ceppi, sia perché è resistente ai farmaci. Finora le infezioni di Mycobacterium abscessus si trattano con 12 mesi di chemioterapia antimicrobica insieme a un cocktail di farmaci antibiotici, tra cui l’amikacina, che hanno però gravi effetti collaterali.

I pazienti possono subire danni al fegato, potenziali perdite uditive, riduzione dei globuli bianchi e di componenti del sangue coinvolti nella coagulazione, nonché sintomi di nausea e vomito. Inoltre le percentuali di successo della terapia arrivano fino al 50% massimo.

Miele di Manuka contro infezioni polmonari

Recentemente è stato dimostrato che il miele di Manuka è efficace contro M. abscessus e può migliorare l’effetto inibitorio dell’amikacina.

Il miele di Manuka è un antimicrobico consolidato, con un ampio spettro di attività attribuito alla presenza di metilgliossale (Nolan et al., 2019). Il potenziale antimicrobico consolidato del miele di Manuka ha portato allo sviluppo di vari mieli di grado medico ed è stato ulteriormente esplorato per la sua attività sinergica insieme agli antibiotici. La maggior parte di queste combinazioni è stata esplorata per Staphylococcus aureus e Pseudomonas aeruginosa, dimostrando che l’attività antimicrobica degli antibiotici può essere notevolmente migliorata con l’aggiunta di miele di Manuka.

Sebbene il meccanismo d’azione alla base dell’attività antimicrobica del miele di Manuka non sia stato ancora completamente chiarito, la presenza di metilgliossale suggerisce che la rottura della membrana cellulare batterica è probabilmente uno dei principali fattori che contribuiscono. Questi risultati mostrano che il miele di Manuka ha un grande potenziale nella lotta contro le infezioni resistenti agli antimicrobici.

Gli studi di laboratorio hanno dimostrato che l’inibizione della crescita di M. abscessus e della sottospecie è stata migliorata dalla combinazione di miele di manuka e azitromicina, con conseguenti concentrazioni inferiori di entrambi gli antimicrobici.

È stata osservata anche una migliore attività battericida per la combinazione di azitromicina e miele di Manuka, rispetto a ciascun antimicrobico usato da solo.

Tipicamente, la concentrazione di Miele di manuka richiesta per l’attività migliorata dell’azitromicina era di 0,037 g/mL di miele di manuka.

Con l’aggiunta di miele di Manuka, le concentrazioni di azitromicina necessarie per l’inibizione sono state ridotte di due volte o più.

Sebbene tutti e 4 i Mieli di manuka utilizzati nello studio abbiano mostrato attività battericida in combinazione con l’azitromicina, i 2 tipi più elevati di miele di Manuka, MGO70 e MGO83, hanno prodotto l’attività migliore.

(Fonte e approfondimenti: Manuka honey in combination with azithromycin shows potential for improved activity against Mycobacterium abscessus)
Condividi su: