Sciroppo per la tosse con folcodina: rischi per la salute

Sciroppo per la tosse con folcodina: rischi per la salute

Sciroppo per la tosse con folcodina: rischi per la salute.

In Francia gli sciroppi contenenti questo principio attivo potrebbero essere vietati dal commercio.

Infatti, questi sciroppi per la tosse comportano un “rischio significativo” di grave allergia ai miorilassanti durante l’anestesia. Di conseguenza, le autorizzazioni all’immissione in commercio per questi prodotti contenenti folcodina potrebbero essere sospese in Francia.

“Secondo un nuovo studio, l’assunzione di un medicinale a base di folcodina, usato contro la tosse, espone a un rischio significativo di avere una grave allergia ai miorilassanti, indicata durante l’anestesia generale, anche se l’anestesia avviene diverse settimane dopo l’assunzione del farmaco ”, spiega l’agenzia sanitaria. Gli sciroppi interessati sono il dimetano senza zucchero (Biocodex), il Biocalyptol e il Biocalyptol senza zucchero (Zambon), il Pholcodine (Biogaran).

Un “rapporto rischio-beneficio sfavorevole”

Dal 2011, gli sciroppi a base di questo oppioide, usato per calmare la tosse secca e l’irritazione negli adulti e in alcuni bambini (di età superiore a 30 mesi e di peso superiore a 15 kg), possono essere consegnati solo su prescrizione medica in Francia, già a causa di questo possibile rischio. Visti i risultati preliminari di uno studio sulla sicurezza in Francia a seguito di una valutazione europea, l’ANSM considera ora “il loro rapporto rischio-beneficio sfavorevole”, data “la natura non essenziale di questi sciroppi e l’esistenza di alternative terapeutiche”.

“Di conseguenza, prevediamo di sospendere le autorizzazioni all’immissione in commercio (AMM) in Francia per gli sciroppi per la tosse a base di folcodina e di effettuare un richiamo di tutti questi sciroppi all’inizio di settembre”, scrive l’agenzia. del farmaco. Per i pazienti che usano o hanno già utilizzato uno sciroppo per la tosse contenente folcodina, secondo l’ANSM, “al momento non è raccomandato un monitoraggio particolare”.

Tanti nuovi consigli

In caso di anestesia generale, l’anestesista può chiedere al paziente se ha già assunto questo tipo di sciroppo. In mancanza, il paziente è invitato ad informarlo. L’ANSM invita anestesisti-rianimatori a chiedere ai pazienti se hanno già consumato questo tipo di sciroppo, e a medici e farmacisti di spiegare il rischio di reazioni crociate ai miorilassanti in caso di anestesia generale ai pazienti che l’hanno già assunto.

(Fonte: 'Cough syrups containing pholcodine could be banned in France' - news.trenddetail.com)
Condividi su:

Lascia un commento