Obesità in gravidanza rischi per il feto

Obesità in gravidanza rischi per il feto

Obesità in gravidanza rischi per il feto. Secondo un nuovo studio pubblicato su The Journal of Physiology l’obesità materna può compromettere la salute del cuore e la funzione del feto.

Obesità materna in gravidanza: conseguenze

Lo studio condotto dai ricercatori dell’Università del Colorado, negli Stati Uniti, ha scoperto che l’obesità durante la gravidanza provoca cambiamenti molecolari nel cuore del feto e altera l’espressione dei geni legati al metabolismo dei nutrienti, il che aumenta notevolmente il rischio di problemi cardiaci in età avanzata.

Per la prima volta si dimostra l’importanza per il cuore dei nutrienti ricevuti durante la vita fetale.

I cambiamenti nell’espressione dei geni alterano il modo in cui il cuore metabolizza normalmente carboidrati e grassi. I cuori dei feti di topi femmine obesi erano più grandi, pesavano di più, avevano pareti più spesse e mostravano segni di infiammazione. Ciò compromette l’efficienza con cui il cuore si contrae e pompa il sangue in tutto il corpo.

Lo studio

I ricercatori hanno utilizzato un modello murino che replica la fisiologia materna umana e il trasporto di nutrienti nella placenta nelle donne obese. Trentuno topi femmine sono stati alimentati con una dieta ad alto contenuto di grassi insieme a una bevanda zuccherata, che equivale a un essere umano che consuma regolarmente un hamburger, patatine e una bevanda gassata (1500 kcal). I topi hanno continuato questa dieta fino a quando non hanno sviluppato l’obesità, aumentando di circa il 25% del loro peso corporeo originale. Mentre 50 topi femmine sono stati alimentati con una dieta di controllo.

I cuccioli di topo (in totale 187) sono stati studiati in utero e dopo la nascita a 3, 6, 9 e 24 mesi utilizzando tecniche di imaging, tra cui ecocardiografia e tomografia a emissione di positroni (PET). I ricercatori hanno analizzato geni, proteine ​​e mitocondri della prole.

I maschi hanno conseguenze sul cuore fin dalla nascita

I cambiamenti nel metabolismo cardiaco della prole dipendevano fortemente dal sesso. L’espressione di 841 geni era alterata nel cuore dei feti femminili e 764 geni erano alterati nei feti maschi, ma meno del 10% dei geni era comunemente alterato in entrambi i sessi. 

È interessante notare che, sebbene sia la progenie maschile che quella femminile di madri obese avessero una funzione cardiaca compromessa, c’erano differenze nella progressione tra i sessi; i maschi sono stati compromessi fin dall’inizio, mentre la funzione cardiaca delle femmine è peggiorata progressivamente con l’età.

La differenza di sesso nei danni duraturi della salute e della funzione cardiovascolare potrebbe essere dovuta agli estrogeni. Livelli più elevati nelle giovani femmine possono proteggere la salute cardiovascolare, la protezione diminuisce quando i livelli di estrogeni si esauriscono con l’età delle femmine. La causa molecolare della differenza di sesso non è ancora stata compresa.

L’autore principale, il dottor Owen Vaughan, dell’Università del Colorado, negli Stati Uniti, ha dichiarato:

“La nostra ricerca indica un meccanismo che collega l’obesità materna con la malattia cardiometabolica nella prossima generazione. Questo è importante perché l’obesità sta aumentando rapidamente nella popolazione umana e colpisce quasi un terzo delle donne in età fertile. Migliorando la nostra comprensione dei meccanismi coinvolti, questa ricerca apre la strada a trattamenti che potrebbero essere utilizzati nei primi anni di vita per prevenire le malattie cardiometaboliche successive alla vita, che sono costose per i servizi sanitari e influenzano la qualità della vita di molte persone. Ad esempio, potremmo offrire consigli più personalizzati sulla nutrizione a madri o bambini in base al loro indice di massa corporea o al sesso, o sviluppare nuovi farmaci che prendono di mira il metabolismo nel cuore del feto”.

I topi hanno gravidanze più brevi, più prole e diete diverse per gli esseri umani, quindi sarebbero necessari ulteriori studi su volontari umani per estrapolare i risultati sulla salute delle donne. È inoltre necessario condurre studi sulla perdita di funzione per dimostrare questo meccanismo che collega l’obesità materna e la funzione cardiaca della prole e individuare le esatte molecole responsabili.

(Fonte: Obesity in pregnancy increases risk of lifelong cardiovascular disease in offspring)
Condividi su:

Lascia un commento