Obesità nuovi studi 2022: è importante il ruolo della genetica

Obesità nuovi studi 2022: è importante il ruolo della genetica

Obesità nuovi studi 2022: è importante il ruolo della genetica.

E’ noto che l’obesità è un fattore di rischio che può portare a complicazioni e a una morte prematura. Molti studi hanno individuato diversi fattori che predispongono all’aumento di peso, come un errato stile di vita.

Ora, una nuova ricerca sui topi ha dimostrato che i cambiamenti ambientali e nutrizionali durante la gravidanza e lo sviluppo iniziale possono causare cambiamenti epigenetici nell’area del cervello legata all’assunzione di cibo, all’attività e al metabolismo nei topi.

Questo studio ha rilevato anche legami similari tra il genoma umano e quello del topo, suggerendo che cambiamenti epigenetici simili possono verificarsi anche durante lo sviluppo fetale umano.

Poichè l’obesità può compromettere seriamente la salute di un individuo è importante approfondirne tutti i fattori scatenanti.

Il dottor Robert A. Waterland, autore dello studio e professore al Baylor College of Medicine, ha dichiarato al Medical News Today: “[…] la variazione genetica contribuisce certamente alle differenze individuali nel peso corporeo, le prime influenze ambientali sullo sviluppo dei meccanismi di regolazione del peso corporeo (programmazione dello sviluppo) possono, in generale, svolgere un ruolo maggiore nel determinare la propensione individuale all’obesità”.

I risultati della ricerca sono pubblicati sulla rivista Science Advances e dimostrano che l’epigenetica è legata all’obesità, ovvero alle abitudini nutrizionali adottate durante le prime fasi dello sviluppo di un bambino. 

Quali sono le cause dell’obesità secondo gli studi recenti?

Gli elementi già noti come cause dell’obesità sono certamente una dieta scorretta, la mancanza di esercizio fisico e la mancanza di un sonno “buono”.

Anche la qualità, la tipologia e la quantità di cibo consumato sono direttamente collegati al rischio di obesità: infatti, consumare un eccesso di calorie e bruciarne pochissime creerà un surplus calorico che porta all’aumento di peso.

Tuttavia i consigli di salute pubblica sulle sane scelte alimentari non sono bastati a diminuire l’incidenza dei casi di sovrappeso fra la popolazione.

L’obesità è stata vista anche come la conseguenza della mancanza di volontà e di autocontrollo, ma ormai è evidente che la natura biologica dell’obesità è molto più complessa.

Denutrizione prenatale e infantile e obesità

Studi prenatali e sulla prima infanzia hanno collegato la denutrizione all’obesità nei ratti.

L‘effetto della nutrizione durante lo sviluppo iniziale negli studi sull’uomo ha dimostrato che la carestia durante il primo trimestre di gravidanza ha portato a tassi di obesità più elevati, ma la carestia durante l’ultimo trimestre e i primi mesi di vita era collegata a livelli più bassi di obesità.

È ampiamente accettato che il peso corporeo sia influenzato anche dalla genetica. Il CDC (Centers for Disease Control and Prevention) riporta oltre 50 diversi geni che sono stati associati all’obesità. I geni determinano i segnali che vengono trasmessi dagli ormoni al cervello, dove indirizzano il corpo a mangiare o muoversi.

Studi su larga scala sul genoma umano hanno scoperto che i cambiamenti nei geni legati all’IMC (Indice di Massa Corporea) sono espressi nel cervello in via di sviluppo.

DNA e obesità: epigenetica studia il funzionamento dei geni

L’epigenetica studia il modo in cui funzionano i geni, consentendo agli scienziati di studiare come il comportamento e l’ambiente possono alterare il funzionamento dei geni.

I cambiamenti epigenetici non cambiano la sequenza del DNA, ma cambiano il modo in cui il corpo legge la sequenza del DNA.

In questo studio, i topi di età compresa tra 2 e 4 mesi sono stati monitorati durante la gravidanza e i loro cuccioli sono stati studiati durante lo sviluppo post-natale. L’analisi dell’intero genoma e il sequenziamento dell’RNA sono stati completati su neuroni e cellule gliali e studiati per i marcatori epigenetici e l’espressione genica.

In particolare, i ricercatori hanno utilizzato il tessuto del nucleo arcuato dell’ipotalamo del cervello, l’area che controlla la fame e la sazietà. I ricercatori hanno notato che il periodo post-natale nei topi, è fondamentale per i cambiamenti epigenetici legati all’obesità e alla regolazione del bilancio energetico, suggerendo che l’obesità potrebbe essere una “conseguenza di una maturazione epigenetica disregolata”, secondo quanto riferisce il dottor Harry MacKay, il primo autore dello studio.

È interessante notare che, confrontando i dati epigenetici con i dati degli studi sul genoma umano, i ricercatori hanno trovato una forte correlazione tra le regioni del genoma umano legate all’IMC e le aree dei cambiamenti epigenetici nei topi, portando a suggerire che l’obesità adulta possa essere determinata in parte da sviluppo epigenetico nel nucleo arcuato.

A Tavola con l'Obesità
Come prevenirla e controllarla senza perdere il piacere del cibo
€ 16,00

Come prevenire l’obesità

Per gli autori della ricerca queste nuove scoperte possono portare a creare “interventi efficaci per prevenire l’obesità”.

Questo lavoro fornisce la tesi che lo sviluppo prenatale e postnatale può almeno in parte determinare il rischio di obesità umana.

Il dott. Robert A. Waterland spiega: “Le prove degli ultimi decenni indicano che una volta che un individuo è obeso, è estremamente difficile raggiungere un peso corporeo ‘normale’. E, quando gli adulti obesi riescono a perdere peso sostanziale, è estremamente difficile mantenere la perdita di peso a lungo termine. La nostra speranza è che una migliore comprensione dei meccanismi neuroepigenetici dello sviluppo alla base dell’istituzione della regolazione del peso corporeo consentirà approcci efficaci per prevenire l’obesità”. Tuttavia, l’attuale ricerca, condotta sui topi, “non fornisce una base per formulare raccomandazioni nutrizionali per gli esseri umani. Sebbene non disponiamo ancora dei dati, è ragionevole supporre che la maturazione epigenetica postnatale che abbiamo catalogato in questo studio sui topi avvenga durante lo sviluppo fetale tardivo nell’uomo”. “[…] tali dati rafforzerebbero le raccomandazioni esistenti secondo cui le donne cercano di raggiungere un peso corporeo sano prima di rimanere incinta, poiché l’obesità materna durante la gravidanza non solo aumenta il rischio di complicazioni della gravidanza come il parto pretermine e il diabete gestazionale, ma sembra anche promuovere un aspetto positivo sull’equilibrio energetico nel suo bambino in via di sviluppo per tutta la vita ”, ha aggiunto Waterland.

L'Obesità nel Bambino e nell'Adolescente
Le cause del problema e i modi per risolverlo
€ 11,90

Lo studio non è senza limitazioni. La natura della popolazione cellulare in continua evoluzione durante lo sviluppo iniziale rende complicata l’interpretazione dei dati, è possibile che i cambiamenti nella popolazione cellulare tra i punti temporali possano influenzare i risultati.

Gli autori intendono superare questo problema negli studi futuri utilizzando più punti temporali e utilizzando la modellazione computazionale.

(Fonte: https://www.medicalnewstoday.com)
Condividi su:

Lascia un commento