Alzheimer e igiene orale: ci può essere un legame

Alzheimer e igiene orale: ci può essere un legame

Alzheimer e igiene orale: ci può essere un legame. Una nuova ricerca del NYU College of Dentistry e Weill Cornell Medicine, ha scoperto che le persone anziane con più batteri dannosi nelle gengive rispetto a quelli sani, hanno maggiori probabilità di avere accumuli di beta amiloide, un biomarcatore chiave per la malattia di Alzheimer, nel loro liquido cerebrospinale (CSF). Tuttavia, questo squilibrio nei batteri orali non era associato a un altro biomarcatore di Alzheimer chiamato TAU.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Alzheimer’s & Dementia: Diagnosis, Assessment & Disease Monitoring, è un ulteriore prova che si aggiunge alla crescente evidenza di un legame tra malattia parodontale (malattia gengivale) e Alzheimer. La malattia parodontale – che colpisce il 70% degli adulti di età pari o superiore a 65 anni, secondo le stime del CDC – è caratterizzata da infiammazione cronica e sistemica, con tasche tra i denti e le gengive che si allargano e ospitano batteri.

“Secondo la nostra conoscenza, questo è il primo studio che mostra un’associazione tra la comunità batterica squilibrata che si trova sotto il bordo gengivale e un biomarcatore CSF della malattia di Alzheimer negli anziani cognitivamente normali”, ha detto Angela Kamer, DDS, PhD, professore associato di parodontologia e impianto odontoiatria presso il NYU College of Dentistry e autore principale dello studio. “La bocca ospita sia batteri nocivi che promuovono l’infiammazione, sia batteri sani e protettivi. Abbiamo scoperto che avere prove per l’amiloide cerebrale era associato a un aumento dei batteri benefici nocivi e in diminuzione “.

Malattia di Alzheimer: beta amiloide e TAU

La malattia di Alzheimer è caratterizzata da due proteine ​​distintive nel cervello: la beta amiloide, che si aggrega per formare placche e si ritiene che sia la prima proteina depositata nel cervello mentre si sviluppa l’Alzheimer, e la TAu, che si accumula nelle cellule nervose e forma grovigli.  

Mony J. de Leon, autore senior dello studio e professore di neuroscienze in radiologia e direttore del Brain Health Imaging Institute presso Weill Cornell Medicine, spiega che “I meccanismi attraverso i quali i livelli di amiloide cerebrale si accumulano e sono associati alla patologia dell’Alzheimer sono complessi e solo parzialmente compresi. Il presente studio aggiunge supporto alla comprensione che le malattie proinfiammatorie interrompono l’eliminazione dell’amiloide dal cervello, poiché la ritenzione di amiloide nel cervello può essere stimata dai livelli di CSF.”

“I cambiamenti dell’amiloide sono spesso osservati decenni prima che la patologia tau oi sintomi del morbo di Alzheimer vengano rilevati”. conclude de Leon.

Come si è svolto lo studio

I ricercatori hanno analizzato 48 adulti sani e cognitivamente normali di età pari o superiore a 65 anni. I partecipanti sono stati sottoposti a esami orali per raccogliere campioni batterici da sotto il bordo gengivale e la puntura lombare è stata utilizzata per ottenere liquido cerebrospinale (CSF) al fine di determinare i livelli di beta amiloide e TAU. Per stimare l’espressione cerebrale delle proteine ​​dell’Alzheimer, i ricercatori hanno cercato livelli più bassi di beta amiloide (che si traducono in livelli di amiloide cerebrale più alti) e livelli più alti di TAU (che riflettono accumuli di grovigli cerebrali più elevati) nel liquido cerebrospinale.

Analizzando il DNA batterico dei campioni prelevati da sotto il margine gengivale sotto la guida di NYU College of Dentistry microbiologo Deepak Saxena, PhD, i ricercatori hanno quantificato un batterio noto per essere dannoso per la salute orale (ad esempio, Prevotella, Porphyromonas, Fretibacterium ) e la salute pro-orale batteri (es. Corynebacterium , Actinomyces, Capnocytophaga ).

I risultati hanno mostrato che gli individui con uno squilibrio nei batteri, con un rapporto che favorisce i batteri nocivi a quelli sani, avevano maggiori probabilità di avere l’Alzheimer. I ricercatori ipotizzano che poiché alti livelli di batteri sani aiutano a mantenere l’equilibrio batterico e diminuire l’infiammazione, possono essere protettivi contro l’Alzheimer.  

“I nostri risultati mostrano l’importanza del microbioma orale complessivo, non solo del ruolo dei batteri” cattivi “, ma anche dei batteri” buoni “, nel modulare i livelli di amiloide”, ha affermato Kamer. “Questi risultati suggeriscono che più batteri orali sono coinvolti nell’espressione delle lesioni amiloidi”.

Non ci sono associazioni tra batteri gengivali e TAU

In questo studio non è stata invece trovata un’associazione tra batteri gengivali e livelli di TAU. Quindi non è noto se le lesioni TAU si svilupperanno in seguito o se i soggetti svilupperanno i sintomi dell’Alzheimer. I ricercatori hanno in programma di condurre uno studio longitudinale e una sperimentazione clinica per verificare se il miglioramento della salute delle gengive – attraverso “pulizie profonde” per rimuovere i depositi di placca e tartaro da sotto il bordo gengivale – può modificare l’amiloide cerebrale e prevenire il morbo di Alzheimer.

(Fonte: "Imbalance in Gum Bacteria Linked to Alzheimer’s Disease Biomarker" - nyu.edu)
Condividi su:

Lascia un commento