Cani che fiutano il Covid nelle urine e nella saliva

Cani che fiutano il Covid nelle urine e nella saliva

Cani che fiutano il Covid nelle urine e nella saliva.

Secondo i ricercatori i cani possono essere addestrati anche per fiutare il nuovo Coronavirus da campioni di urina con una precisione media del 96%.

Nove cani sono stati in grado di fiutare campioni di urina e saliva positivi a Covid-19 in uno studio pubblicato il 14 aprile 2021 su PLOS One, ma i ricercatori notano che la mancanza di diversità dei campioni ha reso difficile dire quanto fosse generalizzabile l’allenamento.

Come si è svolto l’allenamento

I cani sono stati addestrati in modo da distinguere i soggetti positivi al virus da quelli negativi. Quando il cane rispondeva correttamente veniva premiato e dopo questa prima fase, se superata con successo, venivano allenati a fiutare i campioni di urina.

L’allenamento è stato condotto con una ruota olfattiva che aveva vari profumi all’estremità dei raggi. Per prima cosa i cani sono stati addestrati a rilevare un profumo caratteristico con un composto di rilevamento universale. Quindi sono passati ai campioni di urina positivi e negativi al Covid, tutti trattati in modo che il virus fosse inattivato e, infine, ai campioni di saliva trattati.

Durante le 3 settimane di formazione e più prove, i ricercatori hanno mescolato campioni positivi di 14 bambini e 5 adulti e hanno utilizzato tecniche di inattivazione sia a base di calore che a base di detergenti. Nessuno dei cani aveva precedentemente svolto attività di rilevamento medico.

“Questa non è una cosa semplice che chiediamo ai cani di fare”, afferma Cynthia Otto, autrice senior del lavoro e direttrice del Centro per cani da lavoro della University of Pennsylvania School of Veterinary Medicine. “I cani devono essere precisi nel rilevare l’odore dell’infezione, ma devono anche generalizzare gli odori di fondo di persone diverse: uomini e donne, adulti e bambini, persone di diverse etnie e aree geografiche”.

Precisione di rilevazione al 94% nell’urina trattata

Durante l’allenamento, l’accuratezza per l’urina trattata con calore e detergente è stata del 94%, ma gli studi che hanno introdotto variabili hanno mostrato un’accuratezza che va dall’11,1% al 100%, dove qualsiasi cambiamento nel comportamento è stato considerato una reazione. I tassi di maggior successo si sono verificati quando i cani hanno rilevato campioni di urina trattati con detergente mescolati da campioni precedenti che avevano annusato prima e quando ai cani è stato presentato un nuovo campione di saliva positivo per Covid e gli è stato detto di trovare un altro campione di saliva positivo. 

I cani erano invece meno accurati quando hanno cercato di trovare urina positiva al Covid trattata termicamente tra campioni completamente nuovi.

Escludendo lo studio che ha portato a un’accuratezza dell’11,1%, l’accuratezza cumulativa è stata del 92,5%. I ricercatori notano che i bassi tassi di sensibilità (dall’11% al 71%) potrebbero essere parzialmente spiegati dalle loro definizioni rigorose: ogni volta che il cane è passato da un campione positivo senza alcuna reazione, è stato conteggiato come mancato.

Le principali lezioni apprese dallo studio, oltre a confermare che esiste un odore di SARS-CoV-2 che i cani possono rilevare, erano che l’addestramento futuro dovrebbe comportare un gran numero di campioni diversi e che i cani non dovrebbero essere addestrati ripetutamente sui campioni di ogni singolo individuo.

“Questo è qualcosa che possiamo portare avanti non solo nella nostra formazione Covid, ma nel nostro lavoro sul cancro e in qualsiasi altro sforzo di rilevamento medico che facciamo”, afferma Cynthia Otto. – “Vogliamo assicurarci di avere tutti i passaggi in atto per garantire qualità, riproducibilità, validità e sicurezza per quando renderemo operativi i nostri cani e facciamo in modo che inizino lo screening in contesti comunitari”.

(Fonte: COVID-19 Scan for Apr 15, 2021)
Condividi su:

Lascia un commento