Cellule tumorali si nascondono dal sistema immunitario usando zuccheri

Cellule tumorali si nascondono dal sistema immunitario usando zuccheri

Cellule tumorali si nascondono dal sistema immunitario usando residui di particolari zuccheri. Lo hanno scoperto i ricercatori della South Dakota State University guidati da Rachel Willand-Charnley, assistente professoressa di biochimica e chimica.

Lo studio è stato pubblicato su Glycobiology ed è stato effettuato utilizzando la chimica organica per capire come le cellule del cancro possono eludere il sistema immunitario.

“Abbiamo utilizzato la lente della chimica organica per capire come le cellule tumorali eludono il sistema immunitario”, ha spiegato la dottoressa Rachel Willand-Charnley.

Le cellule tumorali si mascherano usando residui di zuccheri detti “glicani

“Le cellule sono letteralmente decorate con residui di zucchero, noti come glicani. Anche i tumori hanno un mantello di zucchero”, ha detto Willand Charnley. “In che modo gli zuccheri, come l’acido sialico, consentono ai tumori di partecipare all’”evasione immunitaria”? Il sistema immunitario è programmato per identificare le anomalie cellulari, comprese le deviazioni nello strato di zucchero, e contrassegnarle per la degradazione, ma la domanda è perché alcune cellule tumorali non vengono uccise dal sistema immunitario?

Dunque, mentre normalmente il sistema immunitario intercetta le cellule con anomalie e le “etichetta” per la degradazione, ciò non avviene invece con le cellule cancerose, le quali non vengono eliminate dal sistema immunitario. Le cellule cancerose si rivestono con i residui di zuccheri adottando un vero e proprio “travestimento” che gli consente di imitare le cellule sane grazie all’acido sialico (SIA)-Siglec.

Questa scoperta è fondamentale per trovare nuove terapie mirate a smascherare le cellule tumorali, rimuovendo il loro travestimento zuccherino e “Aprirà strade per terapie contro il cancro più mirate ed efficaci legate ai glicani”, spiega la Willand-Charnley.

Occorreranno ulteriori studi per comprendere bene i meccanismi.

Condividi su:

Lascia un commento