Chi ha creato l’Universo e la vita umana: un’ipotesi del fisico teorico Avi Loeb

Chi ha creato l’Universo e la vita umana: un’ipotesi del fisico teorico Avi Loeb

Chi ha creato l’Universo e la vita umana: un’ipotesi del fisico teorico Avi Loeb.

Hai mai considerato l’idea che tutto intorno a te sia stato inventato dagli alieni in un laboratorio? Il fisico teorico ed ex presidente del dipartimento di astronomia di Harvard, Abraham ‘Avi’ Loeb, ha proposto una teoria selvaggia, anche se inquietante, secondo cui il nostro universo è stato creato intenzionalmente da una classe più avanzata di forme di vita.

Gli alieni avrebbero potuto creare un Universo bambino usando il tunnel quantistico

In un editoriale per Scientific American , “Il nostro universo è stato creato in un laboratorio? ”, Loeb ha suggerito che gli alieni avrebbero potuto creare un ‘universo bambino’ usando il ‘tunnel quantistico’, che spiegherebbe la ‘geometria piatta’ del nostro universo con energia netta zero. Se questa scoperta fosse dimostrata vera, allora l’universo in cui vivono gli umani si dimostrerebbe “come un sistema biologico che mantiene la longevità del suo materiale genetico attraverso più generazioni”, ha scritto Loeb.

Loeb ha proposto l’idea di una scala di civiltà sviluppate (A, B, ecc.) e, per il fatto che attualmente sulla Terra non abbiamo la capacità di riprodurre le condizioni astrofisiche che hanno portato alla nostra esistenza, “siamo una civiltà tecnologica di basso livello, classificata in classe C sulla scala cosmica”“Saremmo più in alto, – ha aggiunto, – se possedessimo la capacità di ricreare le condizioni abitabili sul nostro pianeta per quando il sole morirà. Ma, a causa della nostra tendenza a “distruggere con noncuranza l’habitat naturale” sulla Terra attraverso i cambiamenti climatici, dovremmo davvero essere retrocessi alla classe D.

La nostra civiltà non è particolarmente intelligente

In un altro duro colpo alla nostra autostima, Loeb ha scritto che “la possibilità che la nostra civiltà non sia particolarmente intelligente non dovrebbe coglierci di sorpresa”. La “dura realtà”, ha detto, è che sebbene l’umanità abbia fatto passi da gigante come la scoperta del bosone di Higgs nel 2012, la nostra intelligenza è statisticamente probabile che sia al centro di forme di vita intelligenti nel cosmo. Dovremmo “cercare umilmente ragazzi più intelligenti sul nostro blocco cosmico” tramite nuovi telescopi, come sta facendo il Progetto Galileo , ha detto, “altrimenti il ​​nostro viaggio dell’ego potrebbe non finire bene, in modo simile all’esperienza dei dinosauri, che hanno dominato la Terra fino a quando un oggetto dallo spazio offuscò la loro illusione”.

La cosa particolarmente interessante della teoria è che potrebbe unificare l’idea religiosa di un creatore con l’idea laica della gravità quantistica. Nel tentativo di capire di più su questa idea, Dazed ha contattato l’astrofisico, chiedendo: “se il nostro universo fosse sintetizzato da extraterrestri in camice bianco, potrebbero osservarci e/o manipolarci? O intervenire e dare una mano con l’imminente disastro ecologico che abbiamo creato (per favore!)?

“L’idea dell’universo bambino è diversa dall’ipotesi Zoo riguardo agli extraterrestri, in quanto spiega il Big Bang come una serie infinita di universi bambini nati l’uno dentro l’altro, proprio come i pulcini che escono dalle uova e depongono nuove uova più avanti nella loro vita”, Loeb dice a Dazed. “Se qualcosa avesse preceduto questa serie di generazioni, sarebbe stato qualcos’altro, proprio come nel dilemma dell’uovo e della gallina“.

“Lo Zoo è un luogo dove si osservano gli animali, ma un universo bambino non può essere osservato dall’esterno secondo la Relatività Generale, la teoria della gravità di Einstein. L’orizzonte dell’universo bambino scompare alla vista del creatore e scatta fuori dallo spaziotempo del creatore. La situazione è analoga alla formazione di un buco nero, dove tutta la materia che vi cade non può essere osservata una volta entrata nell’orizzonte del buco nero. Di conseguenza, il creatore dell’universo bambino non saprà mai quale tipo di civiltà si è formata in esso e non potrà nemmeno intervenire”.

Unificare la meccanica quantistica e la gravità ci potrà permettere di creare un universo bambino

Quindi quanto siamo vicini sulla Terra a produrre un nostro universo bambino e a salire la scala cosmica?“Ci stiamo avvicinando alla produzione di vita sintetica nei nostri laboratori”, afferma Loeb. “Una volta che avremo capito come unificare la meccanica quantistica e la gravità, potremmo sapere come creare un universo bambino in laboratorio”.

C’è anche una domanda sul dilemma morale di produrre altri universi: non creerebbe una sofferenza infinita per i loro futuri abitanti? “L’etica di creare un altro universo sarebbe simile a creare un altro essere umano”, offre Loeb. “Forse sono un ottimista, ma la mia opinione è che avere un bambino umano offre un’opportunità per il bambino di rendere il mondo migliore. Lo stesso vale per un universo bambino. Forse sarà migliore di quella in cui viviamo. Speriamo!”

(Articolo tradotto da: Our universe was made by aliens in a lab, theorises Harvard scientist)
Condividi su:

Lascia un commento