Ictus nuove scoperte: farmaco NVG-291 ripara i danni

Ictus nuove scoperte: farmaco NVG-291 ripara i danni

Ictus nuove scoperte: farmaco NVG-291 ripara i danni.

L’Università di Cincinnati e la Case Western Reserve University hanno pubblicato uno studio preclinico pionieristico sulla rivista scientifica sottoposta a revisione paritaria, Cell Reports, dimostrando che il farmaco proprietario di NervGen Pharma (TSXV:NGEN; OTCQX:NGENF), NVG-291-R, promuove la riparazione del sistema nervoso e il significativo recupero funzionale in un modello murino di ictus ischemico grave, anche quando il trattamento è stato iniziato fino a sette giorni dopo l’esordio.

Il farmaco NVG-291-R ripara i danni da ictus in due modi

I ricercatori hanno scoperto che il farmaco è in grado di riparare i danni provocati da un ictus attraverso due meccanismi: da un lato crea nuove connessioni tra i neuroni, dall’altro stimola la migrazione di nuovi neuroni, derivati da cellule staminali, nel sito in cui è avvenuta la lesione.

Attualmente non ci sono farmaci approvati dalla FDA che riparano i danni da ictus. NervGen detiene i diritti esclusivi mondiali di NVG-291, che è attualmente in uno studio clinico di Fase 1 su soggetti umani sani e si prepara ad avviare studi clinici di Fase 1b/2 per la riparazione del danno al sistema nervoso da lesioni del midollo spinale, morbo di Alzheimer e sclerosi multipla.

“Siamo molto entusiasti dei dati che mostrano un miglioramento significativo della funzione motoria, della funzione sensoriale, dell’apprendimento spaziale e della memoria, anche quando il trattamento è stato iniziato fino a sette giorni dopo l’inizio dell’ictus”, ha affermato in una nota la dott.ssa Agnes (Yu) Luo, professoressa associata.

Paul Brennan, presidente e CEO di NervGen, ha affermato che questo è uno sviluppo molto importante per NervGen poiché, per la prima volta in una pubblicazione sottoposta a revisione paritaria, NVG-291-R ha dimostrato miglioramenti nella memoria e nell’apprendimento spaziale, che potrebbero essere rilevanti per altre indicazioni che colpisce la cognizione, come il morbo di Alzheimer, dove potrebbe migliorare la cognizione piuttosto che semplicemente rallentare il declino cognitivo.

“Mentre rimaniamo impegnati a sviluppare NVG-291 nelle nostre indicazioni principali di lesione del midollo spinale, Alzheimer e sclerosi multipla, questo documento fornisce un argomento molto forte per intraprendere uno studio sull’ictus con NVG-291”, ha affermato.

(Fonte notizia: 'NervGen NVG-291-R posts significant preclinical functional repair from stroke' - biotuesdays.com)
Condividi su:

Lascia un commento