Il caffè fa aumentare il colesterolo? Dipende dalla sua preparazione

Il caffè fa aumentare il colesterolo? Dipende dalla sua preparazione

Il caffè fa aumentare il colesterolo? Dipende dalla sua preparazione. Alcuni studi hanno mostrato che vi è un legame fra consumo di caffè e aumento del livello di colesterolo sierico, ma si precisa che c’è differenza dovuta ai metodi di preparazione.

Il caffè non filtrato e il caffè alla francese possono effettivamente aumentare i livelli di colesterolo, mentre il caffè istantaneo e il caffè filtrato hanno meno rischio di interferire con i livelli di colesterolo.

Inoltre, il colesterolo nel sangue è influenzato anche dalle quantità di caffè consumato a dalla sensibilità della persona alla caffeina.

Va puntualizzato che il caffè come alimento non contiene colesterolo.

Cafestol e Kahweol sono gli oli del caffè che influenzano i livelli di colesterolo

Secondo uno studio pubblicato sull’American Journal of Epidemiology, i risultati sull’associazione tra consumo di caffè e livelli più elevati di colesterolo sierico sono contrastanti.

Tuttavia, secondo un’altra ricerca del 1997, non è la quantità di caffeina nel caffè che può influenzare i livelli di colesterolo, ma piuttosto gli oli che si trovano naturalmente nel chicco di caffè. Questi oli naturali, noti anche come diterpeni, sono cafestol e kahweol.

Anche l’Istituto per l’informazione scientifica sul caffè (ISIC) concorda sul fatto che entrambi gli oli possono aumentare i livelli di colesterolo, sebbene la quantità di diterpeni nel caffè vari con il metodo di preparazione.

Ad esempio, se una persona prepara un caffè usando filtri di carta, la maggior parte dei diterpeni rimane nel filtro. Tuttavia, nel caffè non filtrato, più diterpeni passano attraverso il caffè.

La ricerca ha dimostrato che bere cinque tazze di caffè al giorno per 4 settimane con un metodo di produzione della pressa francese può aumentare i livelli di colesterolo nel sangue dal 6 all’8%

Inoltre, secondo un altro studio, il caffè bollito scandinavo, il caffè turco e il caffè francese possono aumentare il colesterolo. Il caffè scandinavo e turco non è filtrato, mentre il caffè fatto con una pressa francese passa attraverso un filtro metallico che consente il passaggio nell’infuso di più diterpeni rispetto ai filtri di carta.

Secondo l’ISIC, i vari tipi di preparazioni del caffè contengono diversi livelli di diterpeni e quindi hanno differenti effetti sui livelli di colesterolo:

  • Espresso: questo tipo di caffè contiene circa la metà dei diterpeni presenti nel caffè non filtrato. Poiché le persone generalmente bevono piccole porzioni di caffè espresso, probabilmente avrà scarso effetto sul colesterolo.
  • Caffè filtrato: probabilmente ha scarso effetto sul colesterolo. Tuttavia, la ricerca su questo tipo di caffè non è coerente.
  • Caffè istantaneo: questo tipo di caffè contiene pochissimi diterpeni, quindi non dovrebbe aumentare il colesterolo.

Rischi di bere caffè

Oltre ad aumentare potenzialmente i livelli di colesterolo di una persona, il caffè può comportare altri rischi per la salute. Il contenuto di caffeina, che è una sostanza psicoattiva naturalmente presente nel caffè, può interagire con i farmaci di una persona.

Mentre la Food and Drug Administration (FDA) riporta che 400 milligrammi di caffeina al giorno è in genere sicuro per la salute.

Anche altre bevande, come le bevande energetiche, hanno alti livelli di caffeina.

Rischi da interazioni farmacologiche

Uno studio del 2020  ha rilevato che il caffè può interagire con molti farmaci a causa del suo contenuto di caffeina. Una persona dovrebbe consultare il proprio medico per sapere se qualcuno dei suoi farmaci rientra in quella categoria.

Inoltre, il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) mette in guardia contro la miscelazione di una bevanda contenente caffeina, come il caffè, con l’alcol. La combinazione può far sì che una persona beva più alcol di quanto si renda conto e quindi subisca più effetti dannosi.

La caffeina può interagire con alcuni farmaci o erbe. 

Usare con cautela se si assumono:

  • antibiotici chinolonici, come ciproflaxina e norfloxacina;
  • farmaci per l’asma, come la teofillina;
  • farmaci per la depressione;
  • farmaci anticoagulanti;
  • farmaci stimolanti, compresi i decongestionanti;
  • echinacea;
  • pillole dimagranti contenenti caffeina;
  • antidolorifici contenenti caffeina.

Rischi da caffeina

La quantità di caffeina considerata sicura dalla FDA è equivalente a quattro o cinque tazze di caffè. Tuttavia, alcuni individui sono più sensibili all’effetto della caffeina e potrebbero sperimentare alcuni dei seguenti:

  • insonnia
  • battito cardiaco accelerato
  • mal di testa
  • ansia
  • nervosismo
  • nausea
  • una sensazione di infelicità

Altre fonti di caffeina

Altre bevande contenenti caffeina includono tè, cioccolato, un tipo di carne essiccata, bibite e bevande energetiche. 

Tè e bibite gassate generalmente contengono meno caffeina del caffè, mentre alcune marche di bevande energetiche possono contenere da due a tre volte la quantità di caffeina in una bevanda al caffè, secondo la FDA.

Benefici del bere caffè

Secondo l’Associazione americana del cuore (AHA), il caffè ha diversi vantaggi, tra cui:

  • riduce il rischio di morbo di Parkinsondiabete di tipo 2 e morbo di Alzheimer;
  • aiuta a proteggere le cellule dai danni dovuti agli alti livelli di ossidanti;
  • abbassa il rischio di morte;
  • aiuta in caso di malattie del fegato;
  • riduce il rischio di malattie cardiovascolari nelle donne.

Inoltre, l’AHA nota che la caffeina può anche:

  • aumentare l’energia;
  • aiutare con la perdita di peso;
  • migliorare la concentrazione mentale;
  • migliorare l’umore;
  • migliorare le prestazioni fisiche.

Sebbene cafestol e kahweol possano avere un effetto negativo sul colesterolo, possono anche fornire alcuni benefici per la salute. Una ricerca suggerisce che potrebbero avere proprietà antinfiammatorie e antitumorali.

(Fonti: 
Coffee and cholesterol: Risks, benefits, and more
Coffee and Cholesterol: Is There a Link?)
Condividi su:

Lascia un commento