Trattamento HIV a lunga durata dati positivi dallo studio

Trattamento HIV a lunga durata dati positivi dallo studio

Trattamento HIV a lunga durata: resi noti i dati positivi dello studio. L’azienda globale specializzata nell’HIV, ViiV Healthcare, in collaborazione con Pfizer Inc. e Shionogi Limited, ha pubblicato i risultati dello studio globale di fase IIIb Atlas-2M sul primo regime completo a lunga durata per l’HIV. Il regime in fase di sperimentazione (non ancora approvato) si è basato sulla somministrazione combinata ogni 2 mesi di Cabotegravir e Rilpivirina.

I dati sono stati presentati alla Conference on Retroviruses and Opportunistic Infections (Croi 2021) che si è svolta in virtuale.

Hans Jäeger, ex Medical director di Mvz Karlsplatz, Hiv Research and Clinical Care Centre di Monaco di Baviera, e sperimentatore per lo studio ha dichiarato che “I dati a 96 settimane di Atlas-2M rafforzano il potenziale terapeutico di questo regime a lunga durata d’azione per il trattamento dell’Hiv. Esso fornisce un’opzione che potrebbe cambiare l’esperienza di trattamento per alcune persone” che convivono con il virus, “eliminando la necessità di compresse quotidiane”.

Dopo il raggiungimento dell’endpoint primario a 48 settimane (percentuale di partecipanti con Rna plasmatico Hiv-1 ≥50 c/mL alla 48ma settimana), i risultati alla 96ma settimana dimostrano il raggiungimento anche degli endpoint secondari (percentuale di partecipanti con Rna plasmatico Hiv-1 Rna ≥50 o <50 c/mL alla 96ma settimana), mostrando così l’efficacia sia del dosaggio mensile sia del dosaggio ogni 2 mesi nel lungo termine in adulti virologicamente soppressi con Hiv-1.

Vantaggi del dosaggio a lungo termine

Come precisa Jäeger “Assumere una compressa ogni giorno può rappresentare uno spiacevole ricordo quotidiano della loro condizione o può alimentare i timori che il loro stato di sieropositività sia rivelato a qualcuno che vede i loro farmaci. Questo regime può consentire alle persone che vivono con HIV di ridurre i giorni in cui ricevono il trattamento da 365 a 12 o 6 l’anno, rappresentando un cambio di paradigma nella loro esperienza di trattamento dell’Hiv”.

Kimberly Smith, Head of Research & Development di ViiV Healthcare commenta: “In ViiV Healthcare la nostra ricerca e sviluppo è sostenuta dall’impegno per l’innovazione e dal desiderio di fare la differenza nella vita delle persone che vivono con Hiv. Cabotegravir e rilpivirina a lunga durata d’azione sono un regime primo nel suo genere che elimina la necessità di assumere quotidianamente compresse orali dopo la fase iniziale”.

Ed aggiunge: “Questi dati a lungo termine confermano che il dosaggio ogni 2 mesi è non inferiore al dosaggio mensile, il che significa che le persone affette da Hiv virologicamente soppresse possono ridurre a 6 volte l’anno il numero di giorni in cui assumono il trattamento, consentendo che trascorra più tempo tra una dose e l’altra grazie a questo regime”.

Condividi su:

Lascia un commento