Prima donna guarita da HIV dopo trapianto di staminali

Prima donna guarita da HIV dopo trapianto di staminali

Prima donna guarita da HIV dopo trapianto di staminali. Una paziente statunitense affetta da leucemia è diventata la prima donna e la terza persona fino ad oggi curata dall’HIV dopo aver ricevuto un trapianto di cellule staminali da un donatore naturalmente resistente al virus che causa l’AIDS, ricercatori segnalato martedì.

Il caso di una donna di mezza età di razza mista, presentato alla Conferenza sui retrovirus e le infezioni opportunistiche a Denver, è anche il primo che coinvolge il sangue del cordone ombelicale, un approccio più nuovo che potrebbe rendere il trattamento disponibile a più persone.

Terzo caso di pazienti guariti da HIV con cellule staminali

Da quando ha ricevuto il sangue del cordone ombelicale per curare la sua leucemia mieloide acuta – un cancro che inizia nelle cellule che formano il sangue nel midollo osseo – la donna è stata in remissione e libera dal virus per 14 mesi, senza la necessità di potenti trattamenti per l’HIV noti come terapia antiretrovirale.

I due casi precedenti si sono verificati in maschi – uno bianco e uno latino – che avevano ricevuto cellule staminali adulte, che sono più frequentemente utilizzate nei trapianti di midollo osseo.

“Questo è ora il terzo rapporto di una cura in questo contesto e il primo in una donna che convive con l’HIV”, ha affermato in una dichiarazione Sharon Lewin, presidente eletta dell’International AIDS Society.

Il caso fa parte di un più ampio studio sostenuto dagli Stati Uniti guidato dalla dott.ssa Yvonne Bryson dell’Università della California a Los Angeles (UCLA) e dalla dott.ssa Deborah Persaud della Johns Hopkins University di Baltimora. Ha lo scopo di seguire 25 persone con HIV che si sottopongono a trapianto con cellule staminali prelevate dal sangue del cordone ombelicale per la cura del cancro e di altre gravi condizioni.

Come avviene il trattamento anti HIV con cellule staminali?

I pazienti nello studio vengono prima sottoposti a chemioterapia per uccidere le cellule immunitarie cancerose. I medici trapiantano quindi cellule staminali da individui con una specifica mutazione genetica in cui mancano i recettori utilizzati dal virus per infettare le cellule.

Gli scienziati ritengono che questi individui sviluppino quindi un sistema immunitario resistente all’HIV.

Lewin ha affermato che i trapianti di midollo osseo non sono una strategia praticabile per curare la maggior parte delle persone che vivono con l’HIV. Ma il rapporto “conferma che una cura per l’HIV è possibile e rafforza ulteriormente l’uso della terapia genica come strategia praticabile per una cura dell’HIV”, ha affermato.

Lo studio suggerisce che un elemento importante per il successo è il trapianto di cellule resistenti all’HIV. In precedenza, gli scienziati ritenevano che un effetto collaterale comune del trapianto di cellule staminali chiamato malattia del trapianto contro l’ospite, in cui il sistema immunitario del donatore attacca il sistema immunitario del ricevente, avesse un ruolo in una possibile cura.

“Presi insieme, questi tre casi di una cura post trapianto di cellule staminali aiutano tutti a individuare i vari componenti del trapianto che erano assolutamente fondamentali per una cura”, ha detto Lewin.

Guarigione avvenuta grazie al recettore CCR5

Come si legge su Fondazione Umberto Veronesi, il “segreto” delle avvenute guarigioni si chiama CCR5, il recettore presente sulle cellule del sistema immunitario che HIV sfrutta per entrare e moltiplicarsi. In tutti i casi di guarigione documentata, le persone avevano ricevuto un trapianto da donatori compatibili ma con la caratteristica di possedere una mutazione di CCR5 che conferisce resistenza agli attacchi di HIV.

(Fonte: First woman reported cured of HIV after stem cell transplant)
Condividi su:

Lascia un commento