Conseguenze uso antibiotici: rischio declino cognitivo

Conseguenze uso antibiotici: rischio declino cognitivo

Conseguenze uso antibiotici: rischio declino cognitivo. L’assunzione frequente di antibiotici può avere diversi effetti collaterali sulla salute. Molti studi hanno approfondito l’argomento.

  • Uno studio recente ha rilevato che l’uso cronico di antibiotici nella mezza età nelle donne era collegato a lievi diminuzioni delle capacità cognitive 7 anni dopo.
  • Sono state osservate piccole diminuzioni della velocità psicomotoria, dell’attenzione, della memoria di lavoro e dell’apprendimento, ma saranno comunque necessarie future ricerche.

Antibiotici e microbioma intestinale

Il microbioma intestinale è costituito da tutti i microbi e dal loro materiale genetico che vivono nel nostro tratto gastrointestinale. Questi microbi includono batteri, funghi e virus.

E’ fondamentale mantenere in salute il microbioma intestinale perché regola la funzione del sistema immunitario. Esiste una comunicazione bidirezionale tra il sistema nervoso centrale e l’intestino, che è chiamata asse intestino-cervello. Gli scienziati ritengono che l’asse intestino-cervello consenta ai nostri batteri intestinali di influenzare il cervello.

Il microbioma intestinale modula lo sviluppo e la funzione del cervello per tutta la nostra vita. Ci sono alcune prove che i cambiamenti del microbioma intestinale possono svolgere un ruolo nello sviluppo di condizioni psichiatriche e neurologiche, come depressione, disturbo dello spettro autistico, schizofreniaansia e morbo di Alzheimer.

L’uso di antibiotici può alterare le colonie microbiche intestinali poiché, per loro stessa natura, uccidono i batteri. Questi cambiamenti possono durare mesi o anni dopo l’esposizione.

Pochi studi hanno esaminato i successivi effetti cognitivi dell’uso cronico di antibiotici nella mezza età in partecipanti senza demenza.

I ricercatori del Massachusetts General Hospital, della Harvard Medical School di Boston e del Rush University Medical Center di Chicago, hanno esaminato l’effetto dell’uso cronico di antibiotici nella mezza età sulla funzione cognitiva.

Le loro scoperte sono state pubblicate su Plos One.

Effetti degli antibiotici sui sistemi cognitivi

Lo studio ha analizzato il questionario Nurses’ Health Study II del 2009 , che include i dati di 15.129 infermiere con un’età media di 54,7 anni.

Il questionario conteneva informazioni sulla durata dell’uso di antibiotici negli ultimi 4 anni e sul motivo del loro utilizzo.

I partecipanti hanno completato una valutazione cognitiva computerizzata convalidata per la demenza cognitiva. La valutazione è stata compilata a casa con una media di 7 anni dopo la prima assunzione di antibiotici.

I test di CogState hanno misurato le prestazioni dei partecipanti nelle seguenti attività:

  • Rilevamento: premere un tasto quando si gira una carta da gioco.
  • Identificazione: premere un tasto quando si capovolge un cartellino rosso.
  • Apprendimento di una carta: al partecipante viene mostrato il gioco delle carte e gli viene chiesto di ricordare se ha visto la carta in precedenza.
  • One back: al partecipante viene chiesto se una carta da gioco sullo schermo è la stessa di quella mostrata in precedenza.

La combinazione dei punteggi per tutte e quattro le attività ha prodotto un “punteggio cognitivo globale”.

I ricercatori hanno classificato i partecipanti in base all’uso di antibiotici:

  • nessun uso;
  • meno di 15 giorni;
  • da 15 giorni a 2 mesi;
  • oltre 2 mesi. 

Hanno anche adattato i punteggi dei test cognitivi per l’età dei partecipanti e il livello di istruzione del coniuge e dei genitori. Quello che si è riscontrato sono state piccole diminuzioni della cognizione globale (-0,11), della velocità e dell’attenzione psicomotoria (-0,13) e della memoria di lavoro e dell’apprendimento (-0,10) dopo più di 2 mesi di esposizione agli antibiotici .

I declini cognitivi misurati in queste tre categorie sono rimasti simili dopo l’adeguamento per altri fattori di rischio come le malattie croniche.

Con l’avanzare dell’età, le capacità cognitive tendono a diminuire. Come previsto, gli scienziati hanno dimostrato che i punteggi medi di Cogstate sono diminuiti con ogni anno di età.

Usando questo come punto di riferimento, gli autori concludono che “la relazione tra l’uso di antibiotici e la cognizione era più o meno equivalente a quella trovata per 3-4 anni di invecchiamento”.

L’uso continuo di antibiotici fa male

La dottoressa Sherry Ross, MD, specialista in ostetricia e ginecologia presso il Providence Saint John’s Health Center di Santa Monica, in California, ha commentato i risultati dello studio:

“L’uso continuo di antibiotici è dannoso in molti modi per la nostra salute. […] Questo studio ha mostrato ancora un’altra associazione di come l’uso cronico di antibiotici […] possa avere un’associazione con un declino delle capacità cognitive”.

Il dottor Andrew T. Chan, MD, MPH, professore di medicina presso la Harvard Medical School, capo dell’Unità di epidemiologia clinica e traslazionale al Massachusetts General Hospital e co-autore senior, ha spiegato che per lo studio si sono basati su “valutazioni cognitive dettagliate, che ci hanno permesso di esaminare cambiamenti relativamente sottili nella cognizione legati all’uso di antibiotici di mezza età”.

Tuttavia, sebbene lo studio abbia avuto un gran numero di partecipanti, molte variabili possono influenzare la cognizione. Il conteggio di tutte le variabili in un’analisi non è possibile.

“Non possiamo escludere la possibilità che qualche altro fattore di rischio associato all’uso di antibiotici nella mezza età sia la causa del lieve calo della funzione cognitiva “, ha concluso il dottor Chan.

Rimane importante per la prevenzione del declino cognitivo, seguire delle linee guida come: l’assunzione di antibiotici sotto prescrizione, l’uso di probiotici, dieta sana, esercizio fisico, sonno regolare e riduzione al minimo del consumo di alcol.

(Fonte: Can chronic antibiotic use cause cognitive decline?)
Condividi su:

Lascia un commento