Nuove cure diabete tipo 1 con dispositivo in nanofibre

Nuove cure diabete tipo 1 con dispositivo in nanofibre

Nuove cure diabete tipo 1 con dispositivo in nanofibre che consente il rilascio di insulina mentre si difende dalle cellule immunitarie.

A testare il nuovo impianto è stato un team di ricercatori guidati da specialisti del diabete e ingegneri biomedici presso la Washington University School of Medicine di St. Louis e la Cornell University.

Il dispositivo ha dimensioni minuscole e grazie al suo utilizzo i ricercatori sono riusciti ad impiantare cellule che secernono insulina nei topi con diabete di tipo 1. Le cellule impiantate secernono insulina quando c’è la necessità ed invertono il diabete senza ulteriori farmaci.

I risultati sono pubblicati il ​​2 giugno sulla rivista Science Translational Medicine.

Le cellule che secernono insulina sono protette dalla risposta immunitaria

“Possiamo prendere la pelle o le cellule adipose di una persona, trasformarle in cellule staminali e poi far crescere quelle cellule staminali in cellule che secernono insulina”, ha affermato il dottor Jeffrey R. Millman, professore associato di medicina presso la Washington University e uno dei ricercatori dello studio. “Il problema è che nelle persone con diabete di tipo 1, il sistema immunitario attacca quelle cellule che secernono insulina e le distrugge. Per fornire quelle cellule come terapia, abbiamo bisogno di dispositivi per ospitare cellule che secernono insulina in risposta allo zucchero nel sangue, proteggendo anche quelle cellule dalla risposta immunitaria“.

“Il dispositivo, che ha la larghezza di qualche ciocca di capelli, è microporoso – con aperture troppo piccole per essere infilate da altre cellule – quindi le cellule che secernono insulina di conseguenza non possono essere distrutte dalle cellule immunitarie, che sono più grande delle aperture”, ha detto Millman. “Una delle sfide in questo scenario è proteggere le cellule all’interno dell’impianto senza farle morire di fame. Hanno ancora bisogno di nutrienti e ossigeno dal sangue per rimanere in vita. Con questo dispositivo, sembra che abbiamo realizzato qualcosa in quella che si potrebbe chiamare una zona di Riccioli d’oro, dove le cellule possono sentirsi proprio all’interno del dispositivo e rimanere sane e funzionali, rilasciando insulina in risposta ai livelli di zucchero nel sangue.

In una ricerca precedente, Millman ha anche sviluppato e affinato un metodo per produrre cellule staminali pluripotenti indotte e quindi far crescere quelle cellule staminali in cellule beta che secernono insulina. Millman aveva precedentemente utilizzato quelle cellule beta per invertire il diabete nei topi, ma non era chiaro come le cellule che secernono insulina potessero essere impiantate in modo sicuro nelle persone con diabete.

(Fonte Tiny implant cures diabetes in mice without triggering immune response)
Condividi su:

Lascia un commento