Nuovo test rapido per Covid: esito in un secondo

Nuovo test rapido per Covid: esito in un secondo

Nuovo test rapido per Covid: esito in un secondo. Sul Journal of Vacuum Science & Technology B è stata pubblicata la notizia che i ricercatori dell’Università della Florida e della National Chiao Tung University di Taiwan hanno sviluppato un test rapido che rileva la presenza del virus SARS-CoV-2 in 1 secondo.

I ricercatori, che in precedenza hanno dimostrato il rilevamento di biomarcatori rilevanti in epidemie ed emergenze, come il virus Zika, attacchi di cuore e perdite di liquido spinale cerebrale, hanno sfruttato la loro esperienza per sviluppare un sistema di sensori che fornisce il rilevamento entro un secondo, che è molto più veloce di attuali metodi di rilevamento COVID-19.

Un test molto veloce sarebbe la tecnologia benvenuta ovunque si verifichino focolai, purché sia ​​accurato, facile da usare e ampiamente accessibile“, ha detto a Healthline il dottor William Li, ricercatore Covid-19 e presidente e direttore medico della Angiogenesis Foundation.

Un rapido test Covid-19 sarebbe utile in uno studio medico, in una struttura di cure urgenti e in un Pronto Soccorso ospedaliero”, ha detto Li. “Ma potrebbe anche essere utile in aeroporto o in hotel al momento del check-in, o parte dell’autorizzazione a un cantiere o a un evento al chiuso come un concerto o un teatro. La chiave per i test Covid durante la pandemia è sempre stata l’accuratezza e la disponibilità.”

In cosa consiste il test rapido?

Il test ideato dai ricercatori consiste in una striscia biosensore con forma simile alle strisce reattive per il glucosio e con un piccolo canale in cui inserire il fluido da analizzare. Minghan Xian, uno degli autori dello studio spiega: “Con il micro canale, alcuni elettrodi sono esposti al fluido. Uno è rivestito con oro e gli anticorpi rilevanti per Covid-19 sono attaccati alla superficie dell’oro tramite un metodo chimico.”

“Il nostro sistema di sensori, un circuito stampato, utilizza un transistor per amplificare il segnale elettrico, che poi viene convertito in un numero sullo schermo”, ha detto Xian. “L’entità di questo numero dipende dalla concentrazione dell’antigene, la proteina virale, presente nella nostra soluzione di prova.”

Questo potrebbe alleviare i problemi di tempi di consegna dei test COVID-19 lenti“, ha aggiunto Xian che continua dicendo: “Modificando il tipo di anticorpi attaccati alla superficie d’oro, possiamo riutilizzare il sistema per rilevare altre malattie. Il sistema può fungere da prototipo per sensori di biomarcatori proteici modulari ed economici per un utile feedback in tempo reale all’interno di cliniche, sale operatorie o a uso domestico“.

Il test non è ancora in commercio, ma i ricercatori stanno cercando un’azienda che possa trasformare questa tecnologia in un prodotto.

Condividi su:

Lascia un commento