Pannelli fotovoltaici ultime novità: generano acqua dall’umidità dell’aria

Pannelli fotovoltaici ultime novità: generano acqua dall’umidità dell’aria

Pannelli fotovoltaici ultime novità: generano acqua dall’umidità dell’aria. Si parla di pannelli solari realizzati all’Università King Abdullah per la Scienza e la Tecnologia (Kaust) in Arabia Saudita. Sono stati realizzati con un particolare idrogel che è in grado di assorbire il vapore acqueo presente nell’aria, anche nei paesi più torridi, e rilasciarlo sotto forma di liquido.

Questo innovativo sistema permette non solo di produrre energia pulita, ma di utilizzare l’acqua generata per irrigare le coltivazioni.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Cell Reports Physical Science.

Pannelli solari che producono acqua

I nuovi pannelli solari si basano su un sistema chiamato WEC2P, il quale è formato da un pannello fotovoltaico posizionato su uno strato di idrogel. Tutto l’insieme è montato sopra una grande scatola metallica che consente la condensazione e la raccolta dell’acqua.

Lo speciale idrogel era già stato sviluppato in un precedente studio ed è un materiale che riesce ad assorbire il vapore acqueo dell’aria per poi convertirlo in liquido a seguito del calore generato dagli stessi pannelli.

L’idrogel dà anche il vantaggio di aumentare l’efficienza di circa il 9% del pannello solare, attraverso l’assorbimento del calore in eccesso e il mantenimento di una temperatura più bassa.

Il team di ricercatori guidati da Renyuan Li hanno messo già in funzione il loro sistema per due settimane nel mese di giugno, in Arabia Saudita, irrigando 60 semi di spinaci soltanto con l’acqua così ottenuta. Nel corso del test, i pannelli fotovoltaici (delle dimensioni di un grosso tavolo) hanno prodotto 1.519 watt di elettricità all’ora e circa 2 litri di acqua, che hanno consentito a 57 dei 60 semi di germogliare e crescere regolarmente.

Ora i ricercatori stanno perfezionando e ottimizzando l’idrogel per permettere l’impiego di questo sistema su larga scala.

Condividi su:

Lascia un commento