Vaccino Pfizer effetti collaterali: documentazione FDA attesta 160mila casi di reazioni avverse

Vaccino Pfizer effetti collaterali: documentazione FDA attesta 160mila casi di reazioni avverse

Vaccino Pfizer effetti collaterali: documentazione FDA (Food and Drug Administration) attesta 160mila casi di reazioni avverse.

In un articolo di RT.com è stato reso noto che un gruppo di medici, professori e giornalisti che si chiama Salute Pubblica e Professionisti medici per la trasparenza (Public Health and Medical Professionals for Transparency), ha presentato alla FDA una richiesta di “Freedom of Information Act (FOIA)” per il rilascio della documentazione del produttore Pfizer sugli eventi avversi del loro vaccino.

I documenti rilasciati dalla FDA svelano che la casa farmaceutica Pfizer ha registrato quasi 160mila reazioni avverse al suo vaccino contro il Covid-19 nei primi mesi del suo lancio.

E’ disponibile la prima tranche della documentazione (visionabile qui) in cui si evincono le descrizioni dettagliate delle reazioni avverse al farmaco registrate su più di 42mila casi clinici che la Pfizer aveva compilato a partire da febbraio 2021, quando è avvenuto il lancio su scala mondiale del cosiddetto vaccino.

Quali sono le reazioni avverse del vaccino Pfizer?

Le reazioni avverse registrate da Pfizer sui 42mila “case report”, variavano da lievi a gravi e 1.223 sono state fatali. La maggior parte di questi casi clinici riguardava persone di età compresa tra i 31 ei 50 anni negli Stati Uniti.

Sono stati segnalati più di 25.000 disturbi del sistema nervoso, insieme a 17.000 disturbi muscoloscheletrici e del tessuto connettivo e 14.000 disturbi gastrointestinali. È stata segnalata una serie di diverse condizioni autoimmuni, insieme ad alcune malattie peculiari, inclusi 270 “aborti spontanei” e incidenze di herpes, epilessia, insufficienza cardiaca e ictus, tra migliaia di altre.

Questi effetti collaterali erano precedentemente noti e sono stati tutti registrati nel database VAERS (Vaccine Adverse Event Reporting System) dei Centers for Disease Control and Prevention.

I critici affermano che alcuni di questi decessi non possono essere collegati in modo definitivo alla vaccinazione, mentre altri sostengono che il numero reale di decessi e di effetti avversi è sottostimato.

Fondamentalmente, i documenti di Pfizer sono stati utilizzati dalla FDA per dichiarare sicuro il vaccino per gli americani. E’ stato anche approvato per i bambini di età inferiore ai cinque anni e sono state approvate dosi di richiamo per le persone dai 16 anni in su.

La FDA afferma che potrebbe volerci fino al 2096 per pubblicare tutte le 451.000 pagine utilizzate per approvare il vaccino Pfizer.

Quarta dose di vaccino Pfizer necessaria contro variante Omicron

Di fronte alla variante Omicron che si è dimostrata più trasmissibile e apparentemente più resistente al vaccino, il governo degli Stati Uniti ha continuato a pubblicizzare la vaccinazione come la chiave per sconfiggere il Covid-19. Lo stesso vale anche per il CEO di Pfizer Albert Bourla, che ha affermato che potrebbe essere necessaria una quarta dose del vaccino della sua azienda per mantenere alti i livelli di immunità.

Ma, la Pfizer ha anche annunciato che entro marzo 2022, potrebbe immettere sul mercato un vaccino specifico per Omicron, alla luce anche di uno studio sudafricano che ha mostrato che il vaccino Pfizer è fino a 40 volte meno efficace contro questa variante.

Condividi su:

Lascia un commento